domenica, febbraio 27, 2011

List in progress

Lista di alcune cose che mi mancano del Paese mio.
- Gli amaretti e i Pavesini.
- Il caldo della stufa a legna.
- La campagna e la montagna.
- Il divano.
- Le pastiglie Leone.
- Le strade semi-deserte di campagna.
- La Calvè.
- La ritualità della domenica.
- L'autolavaggio.
- Le chiacchiere coi vicini.


Lista di alcune cose che NON mi mancano del Paese mio.
- Le canzoni delle nuove leve del panorama italiano.
- Il dover prendere l'auto quotidianamente.
- L'ingresso in piscina carocomeilfuoco.
- Tutti i programmi che passano alla tele.
- Il freddo umido pungente.
- La pioggia che dura giorni interi.
- Le pause eterne tra le portate nei ristoranti.
- I giubbotti di vernice.
- Il suono del citofono.


Ps. ci tengo a precisare che questa lista, non esaustiva tra l'altro, contempla solo le cose. Le persone che mi mancano non le vengo di certo a scrivere qui... ;)

3 commenti:

Claudiappì ha detto...

La domanda sorge spontanea...dove vivi? :)

Anja ha detto...

la campagna, dai, bastererebbe prendere un treno che porta un po' fuori no? (st remy la chevreuse in bici, io onsiglio). Sui pavesini invece, ti capisco un sacco!

Clod ha detto...

@Claudiappì: in un posto "bizzarre"! :) Il fatto è che a tante cose ci si abitua anche col tempo, mentre ad altri usi e costumi non ce la farò mai... :P

@Anja: hai ragione, la scorsa estate son capitato spesso da quelle parti in bici, vicino Chateau de Saclay. Oppure anche a Sud-Est, seguendo il Canal Saint-Martin fino ai pressi di Charles De Gaulle, nelle campagne di Massy e Gressy.
Colpa mia che non ho ancora ripreso la bici in modo serio.. ma aspetto ci siano almeno 10°C per non assiderare! :D